Click on the STORMO! Eagle to return to the Gallery
NEXT PAGE
Here we are once again at our annual show organized by a section of the Garibaldi Cultural Center in Genoa; eight years have now passed since the inaugural show and today we begin our ninth show with the enthusiasm of the first. The show is situated in the Cotton Warehouses of the ancient port of Genoa, from whose windows a splendid panorama of the city can be enjoyed; as always the professionalism of the organizers and the main sponsor has rendered the climate most cordial; during the week notable participants have graced the show, from large and small, still in contact with the world of plastic modeling, the same city daily paper highlighting the event with an article in the events of the week; unfortunately Euroroma could only submit but a limited number of submissions but certainly the quality was not lacking. This year, as part of the registration, a complementary ticket was provided to visit the Galata museum of the sea: a museum nearly entirely dedicated to Genoa, from its makings of the grand republic, passing through the world of sail and ending with the great ocean liners of today, reminding the Genovese of their grand heritage as giants of the sea ... however let us return to the purpose of this article. This year's show was graced with splendid dioramas many protected by plexigas encasements from visitors (at times too many), which unfortunately limited the quality of the photos. Of the aircraft on display, what could I say; nearly all of models were recent releases; from a beautiful U2 to a splendid 1/48 Viggen with the four tone camouflage; a beautiful F4-U4 in 1/32 scale was on display and although personally I don’t build large scales, the quality of this particular model was worthy of the famous; the author explained to me that he possesses enough space at home for which … he wants to construct big beasts of the sort. Surprisingly only a few naval subjects were on display including a splendid Chinese Junk, a marvelous Roman bitreem and the Bismark; I must say that I expected to see in the City of the Sea an invasion of naval subjects. In the case of automobiles and civil transport aircraft, again only a few subjects being on display, and once again all the more surprising since our country, when it comes to motor sports and the such are second to none … therefore for the next little while I will devote some of my time to ship building and autos.  I have left to the last the human aspect of modeling, our colleagues.  Like always, in our plastic world and during shows, one model is judged against another; but I must say that the arguments of techniques and methods are always the most rewarding … till next time.

Ettore Giordano
Genova NW Italy
9th Annual Static Model Competition
Genova, Italy
Photos and Text by Ettore Giordano
9° Concorso di Modellismo Statico “Città di Genova”
Centro Culturale Garibaldi
Genova  10 – 15 Maggio 2005

Eccoci al consueto appuntamento annuale con la mostra modellistica organizzata dal Centro Culturale Garibaldi; sono passati ben otto anni dai primi vagiti ed oggi giunti al nono appuntamento questa mostra non da segni di stanchezza e decadenza.
Ben situata nei Magazzini del cotone del porto antico di Genova, dalle cui finestre si gode uno splendido panorama della città  affacciata , o meglio direi, accucciata nel suo porto; e come sempre la gentilezza degli organizzatori e dello sponsor principale hanno reso il clima cordiale ed allegro; durante la settimana numerose scolaresche si sono avvicendate nella visita ed è stato un continuo ohh! di stupore dei piccoli, ma anche dei grandi non ancora a contatto con il mondo del modellismo;lo stesso quotidiano  cittadino ha  risaltato l’avvenimento con un articolo nella rubrica degli avvenimenti della settimana; purtroppo però la concomitanza della mostra Euroroma ha un po’ limitato il numero dei pezzi presenti al concorso ma non di certo la loro qualità. Una ulteriore chicca di questo anno è stato, all’atto dell’ iscrizione, il regalo di un biglietto d’ingresso per la visita al museo Galata del mare: un museo quasi interamente dedicato a Genova, dai suoi fasti di repubblica marinara,  passando attraverso il mondo della vela e dei cartografi( impressionanti le carte originali del 1600  realizzate da cartografi olandesi) per finire ai transatlantici ed ai cantieri del ponente genovese dove sono nati questi giganti del mare………….vi rimando a tal proposito all’articolo scritto da un genovese doc e modellista navale come Enrico Costa su questo stesso sito.
Torniamo alla mostra: La parte del leone l’hanno fatta i carri ed i figurini , come quasi  sempre del resto; splendidi diorami e realizzazioni erano in bella mostra su tavoli debitamente protetti, con plexigas, dalle attenzioni(a volte troppe ) dei visitatori, ma purtroppo ciò ha limitato la qualità delle foto e di ciò me ne scuso…………ma tutto sommato è meglio vedere il proprio modello e quelli dei colleghi protetti che alla mercé degli immancabili tentativi di toccare.
Degli aerei cosa dire; quasi tutta roba nuova; da un bellissimo U2 ad uno splendido Viggen in scala 1/48 con mimetica a quattro toni di colore  ed a chiazze nette e segmentate tipica di questi”svedesi”, bel lavoro veramente e di pazienza; un mastodontico F4-U4 in scala 1/32 troneggiava su un ripiano, personalmente non amo le grosse scale ma la realizzazione è degna di nota; l’autore mi spiegava che possiede molto spazio a casa per cui……..ai voglia di costruire bestioni del genere.
Purtroppo chi è mancato all’appuntamento sono stati i modelli navali ed i mezzi civili: a parte tre velieri, una giunca cinese, un vascello vichingo, un bialbero a vela latina ed una mastodontica corazzata Bismark, già presente a Murisengo, devo dire che mi aspettavo di vedere in una città di mare l’invasione di modellini in scala 1/700 water line viste nelle ultime edizioni. Così pure per le auto e le moto: pochi soggetti , anche se ben fatti, ma pur sempre pochi; eppure il nostro paese come sport motoristici non è secondo a nessuno……….Vorrà dire che per un po’ di tempo smetterò con gli aerei e mi cimenterò con le navi e le auto antiche…………………..
Ho lasciato in ultimo l’aspetto umano e cameratesco dei colleghi modellisti; grandi feste agli amici che da fin troppo tempo non si vedeva o che si incontra virtualmente on line sui computer attraverso forum e chat varie………. E come sempre, nel nostro mondo di plastica, si finisce a spettegolare, criticare, giudicare quel modello o l’altro;  ma devo dire che le discussioni sulle tecniche e metodi hanno avuto la meglio e come sempre non si è trasceso………………tanto davanti ad un piatto di trenette al pesto ed un buon bianco delle cinque terre si è sempre tutti d’accordo.

Ettore Giordano
May, 2005
STORMO! © 2005